Passa ai contenuti principali

Vrinda Parivar Italia: Le glorie di Sri Srimad Bhaktivedanta Vamana Maharaja

 





Le glorie di Sri Guru e di Sri Srimad Bhaktivedanta Vamana Goswami Maharaja -


29 dicembre 1991






Srila Gurudeva: si afferma nel Bhagavatam che il Guru autentico è come la svarupa di Krishna.




acaryam mam vijaniyan


navamanyeta karhicit


na martya-buddhyasuyeta


sarva-deva-mayo guruh


-Srimad Bhagavatam 11.17.27


 [Si deve considerare l’acharya come Io stesso e mai mancargli di rispetto in alcun modo. Non si dovrebbe invidiarlo, pensare a lui come un uomo ordinario, perché egli è il rappresentante di tutti gli esseri celesti.]


 


Krishna ha detto a Uddhava: "Non si deve mai mancare di rispetto a Guruji. Egli è la personificazione di tutti gli esseri celesti"


Le tre principali divinità tra gli esseri celesti sono Brahma, Visnu, e Mahesa. il Guru è l'incarnazione di Brahma, Visnu, e Mahesa. Avevo detto in precedenza che il Guru è Brahma; Guru è Visnu; e Guru è Mahesa. In uno dei mantra, si afferma che il Guru è anche Parabrahma.


 


Madhava Maharaja: Guru saksat parabrahma tasmai sri gurave namah.


 


Srila Gurudeva: Ieri, quando stavamo spiegando il commento di Sanatana Gosvami, abbiamo sentito che il Guru è la murti, la divinità di Parabrahma. Ma, si dovrebbe sempre ricordare che il Guru non è visaya-vigraha (l'oggetto della devozione). Guru è asraya-vigraha (la dimora della devozione). Guru è il sevaka-bhagavan, il servitore del Signore Supremo. Il Guru è chiamato Brahma perché il dovere di Brahma è quello di creare. Allo stesso modo, il Guru pianta il seme della devozione nel nostro cuore e lo nutre. Così, egli è chiamato Brahma. il Guru è chiamato Visnu perché nutre la nostra bhakti. Egli continuerà a nutrire la nostra bhakti fino a raggiungere prema. Non possiamo mai immaginare quanto il Guru si prende cura di un discepolo. Egli fa ogni sforzo per garantire il benessere del discepolo. Come Mahesa o Sankara, il Guru dissipa le anartha del discepolo. Alcune di queste anartha sono aparadha (offese) e durdaiva (sfortuna). Così, il Guru guida il discepolo verso la prema-bhakti. Pertanto, Guru è l'incarnazione di Brahma, Visnu, e Mahesa.


 


In precedenza, ho parlato delle qualità di un Guru autentico. Le anime condizionate non potranno mai raggiungere il loro bene eterno senza la Krishna-bhakti o Krsna-prema. L'anima condizionata può essere guidata solo verso Krishna solo praticando la bhakti. Praticando la bhakti, l'anima condizionata sarà stabilita nella sua posizione costituzionale ovvero l'anima sarà stabilita nella sua svarupa. L'anima condizionata allora diventerà beata. Ma da dove viene questa bhakti? Questa bhakti giunge da un devoto residente del mondo spirituale e anche del mondo materiale. Per esempio, un oggetto prezioso si trova in Cina ma vi è un conflitto tra la Cina e l'India. Tuttavia, questo oggetto può essere acquistato ad un prezzo molto basso in Cina. Ora, come si può avere questo oggetto? I residenti del Nepal possono viaggiare tra la Cina e l’India. Quindi, se un residente dell' India contatta un residente del Nepal, allora può avere quell’oggetto dalla Cina.


 


Allo stesso modo, Bhakti Devi risiede a Goloka Vrndavana. La Bhakti è composta dalla Samvit-sakti (potenza di conoscenza di Krishna) e hladini-Shakti (potenza di piacere di Krishna). Questa Bhakti si trova negli eterni associati di Krishna come Nanda Baba, Yasoda Maiya, Lalita, Visakha, Baladeva, Madhumangala, Sridhama, Raktaka, Patraka, e gli altri. Quindi, come possono gli abitanti di questo mondo materiale ricevere questa bhakti? Possono riceverla da un devoto che è presente contemporaneamente nel mondo spirituale e in quello materiale. Questo devoto può portare la bhakti del mondo spirituale ed è definito guru. Il Guru è molto caro a Sri Radha-Krishna. Egli è la svarupa di Krishna. Per desiderio di Radhika e Krsna, viene in questo mondo. A volte, Krishna stesso viene in questo mondo o manda le Sue shakti. Srila Gurudeva è la Karuna-shakti di Krishna.


  


samsara-davanala-lidha-loka-


tranaya karunya-ghanaghanatvam


praptasya kalyana-gunarnavasya


Vande guroh sri-caranaravindam


-Sri Gurvastakam verso 1


 [Il maestro spirituale è come la benedizione dall'oceano di misericordia. Proprio come la nuvola versa l’acqua sulla foresta in fiamme, così il maestro spirituale spegne il fuoco ardente dell'esistenza materiale. Offro i miei rispettosi omaggi ai piedi di loto del mio maestro spirituale.]


 


Gurudeva è la personificazione della misericordia condensata di Krishna. Quando la Karuna-sakti di Krishna discende in questo mondo, allora questo associato di Krsna è chiamato Guru. Il Guru è la sakti, la potenza di Krishna, ma lui si presenta sotto forma di un uomo comune. Il Guru è disponibile anche sotto forma di Sakti come Jahnava Mata, Saci Devi, Hemalatha Thakurani, Malini Devi, Sita Thakurani e Gangamatha Gosvamini. Anche queste associate di Krishna appaiono con la forma femminile di Guru. La Karuna-sakti di Krishna scende sotto forma di uomini e donne. Essi accettano la posizione di acarya. Dovete capire che l'acqua dell' Himalaya e di Kailasa raggiunge l'oceano. Come fanno a raggiungere l'oceano? l'acqua va da sola? Forse l’acqua è cosciente?


 


Devoto: arriva attraverso dei fiumi?




Srila Gurudeva: se qualcuno trasporta l’acqua, essa raggiungerà l'oceano. Come ha fatto Bhagiratha Maharaja a portare l'acqua del Gange? La corrente di Ganga fluisce ancora fino ad oggi grazie a lui. Allo stesso modo, un Guru porta la corrente o l’acqua della pura bhakti. Questa parampara che parte da Krishna scorre fino ai nostri giorni. Il prema del mondo spirituale continua a inondare questo mondo tramite questa parampara. Il Guru porta questo prema e lo dà alle anime condizionate. Questo è il dovere primario di un Guru. Se una persona non può dare questo prema, allora non è davvero un guru. Il suo Gurutva, o la qualità di essere un guru poggia sulla capacità di dare prema. Tutti voi sapete chi è un Guru autentico. Gli sastra danno la definizione corretta:




tasmad gurum prapadyeta


jijnasuh sreya uttamam


sabde pare ca nisnatam


brahmany upasamasrayam


 -Srimad Bhagavatam 11.3.21


 [Pertanto, ogni persona che desidera seriamente la vera felicità deve cercare un maestro spirituale autentico e prendere rifugio in lui accettando l’iniziazione. La qualifica del guru autentico è che egli ha realizzato le conclusioni delle scritture ed è in grado di istruire e guidare gli altri con queste conclusioni. Tali grandi personalità, che hanno preso rifugio nel Signore Supremo, lasciando da parte tutte le considerazioni materiali, devono essere intese veri maestri spirituali.]


 Inoltre, vi è un altro sloka:


 tad-vijnanartham sa gurum evabhigacchet


Samit-panih srotriyam brahma-nistham


 -Mundaka Upanisad 1.2.12


[Per capire queste cose correttamente, bisogna avvicinarsi umilmente, con la legna del fuoco del sacrificio, a un maestro spirituale che ha realizzato i Veda ed è fermamente dedicato alla Verità Assoluta.]


 


In questi due sloka sono descritti tutti i sintomi di un Guru. Il Guru ha realizzato tutti gli sastra. Anche se una persona conosce tutti gli sastra, non è un guru se non ha realizzato chi è Brahman. Egli non è un guru se non ha la realizzazione di Parabrahma, Bhagavan. Quindi, tutta la sua conoscenza degli sastra è vana. Tuttavia, una persona potrebbe non ricordare nessuno sloka degli sastra. Come il nostro Srila Gaura Kisora das Babaji Maharaja, ma avere la completa realizzazione di Parabrahma Krishna. Pertanto, è un guru. Una persona che ha dimestichezza con la conoscenza indicata in tutti gli sastra, ma che non ha bhakti per Bhagavan, allora non è un guru. Srila Prabhupada ha dichiarato che la nostra parampara è chiamata Bhagavata-parampara. Qual è la Bhagavat parampara? In questo lignaggio di maestri, Prabhupada ha incluso solo le anime realizzate. Egli non ha incluso i nomi degli altri in questo lignaggio divino. Pertanto, i sahajiya erano sconvolti.


 


Dissero: "Perché i nomi dei nostri guru non sono menzionati? In questa parampara, il nome di Bhaktivinoda Thakura appare dopo Jagannatha das Babaji Maharaja. Dopo Bhaktivinoda Thakura, appare Gaura Kisora das Babaji Maharaja. Ma tutti gli altri non sono stati inclusi. Anche noi abbiamo avuto molti siddha-mahatma".


 Ma Srila Prabhupada non li accettò. Pertanto, i sahajiya si arrabbiarono e non accettano la linea del Gaudiya Vaisnava.


 


Prabhupada disse: “Voi potete essere o non essere d'accordo. Tuttavia, accettiamo soltanto la Bhagavat parampara. Dobbiamo accettare solo i siddha-mahapurusa."




Da questi siddha-mahapurusa si può avere prema. E’ possibile avere una guida anche dai madhyama-adhikari. Ma chi darà prema? Solo un mahabhagavata, solo chi ha prema può dare prema. Chi altro darà prema? Noi raggiungeremo siddhi, la perfezione nelle nostre pratiche spirituali se qualcuno come Narada poserà il suo sguardo proprio su di noi. Coloro che seguono le orme di Narada ci daranno la loro associazione e instilleranno in noi gli insegnamenti degli sastra. Così, ci stabiliranno nella bhakti. E cosa faranno quelli che non sono così avanzati?


 Ci diranno, "Dovresti venire dal mio Gurudeva. Dovresti venire dai nostri Acarya"


Essi ci guideranno in questo modo. Questa persona si chiama guru pradarsaka. Ma persone non realizzate nelle conclusioni degli sastra e senza la conoscenza della tattva-siddhanta, accettano molti discepoli. Oh fratelli, il discepolo di un tale guru non sarà beneficiato in alcun modo. Entrambi, discepolo e guru ..


 


Sripad Madhava Maharaja: Andranno all'inferno.


 


Srila Gurudeva: Non andranno all'inferno, ma non otterranno prema. Piuttosto, riceveranno la ricchezza, la reputazione e la fama. Pertanto, un guru autentico si ottiene solo grazie alla misericordia di Krsna. Ho spiegato tante volte la Guru-tattva. Ma ora, voglio parlare della vita esemplare di Srila Vamana Maharaja.


 


Maharajaji è nato nell' Est Bengala. L’Est Bengala ora si chiama Bangladesh. E‘ nato a Jessore. Una parte di Jessore è inclusa ancora in India. Il resto appartiene al Bangladesh. Maharaja è nato lì. A quel tempo, l'India non era separata. Quando Maharaja è nato, il Bengala orientale era parte dell'India. Maharaja è nato 75 anni fa. Lui ha due o tre anni più di me. Ora ho più di settanta anni. Quindi, Maharaja è di due o tre anni più vecchio. Trivikrama Maharaja ha cinque anni più di Maharaja. La nostra differenza di età è molto piccola. Quindi, Maharaja è nato 75 anni fa. A quel tempo non c'era alcuna partizione tra India e Bengala. La madre di Maharaja era una discepola di Srila Prabhupada Bhaktisiddhanta. L'ho vista molte volte. Anche voi avete visto la madre di Vamana Maharaja?


 


I devoti: Sì. L'abbiamo vista a Navadvipa e Kolkata.


 


Srila Gurudeva: Molti giorni sono passati dall'ultima volta in cui l’ho incontrata. Il padre di Maharaja era discepolo del nostro Gurudeva Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja. Sua madre era discepola di Prabhupada. Il nome del padre di Maharaja era Satishcandra. E il suo nome spirituale era Sarvesvara dasa adhikari. Suo padre aveva un fratello di nome Nrsingha. Prabhupada lo nominò Nrsingha brahmacari. Nrsingha brahmacari era il fratello minore. Eppure, era il padrone di casa. Era educato e molto qualificato. Era famoso per il suo essere sincero e onesto. Non avrebbe mai rubato neanche un paisa.


Nrsingha Maharaja mi ha detto: "Una volta, ho sentito il suono della mrdanga. Ho visto alcune persone che cantavano. Cantavano, 'Emona durmati, samsara-bhitore, podiya achinu ami.' Il kirtana non veniva cantato nella corretta melodia. Le mridanga non erano propriamente a tempo."


 Probabilmente, il fratello di Ranganathaji non suonava la mrdanga. Sapete chi è Ranganatha? Quando suonava la mrdanga, lo faceva in tanti modi diversi. Sembrava che conoscesse le note di tutto l'universo. Dove si trova Ranganatha ora? Ha imparato a suonare sulla mrdanga di Trivikrama Maharaja. A quel tempo, i nostri Gaudiya Vaisnava non conoscevano molte tonalità. Ma ora hanno imparato qualcosa. Ma cantavano sempre con molto sentimento (bhava).


 


emona durmati, samsara-bhitore, podiya achinu ami


 


[Io sono così sfortunato che sono caduto in questo mondo materiale, o Signore.]


 -Da Saranagati di Srila Bhaktivinoda Thakura


 In questo kirtana, Srila Bhaktivinoda Thakura ha descritto la vita di un anima condizionata dalla sua infanzia alla vecchiaia. Vi è un altro kirtana dove Bhaktivinoda Thakura descrive come un’anima condizionata soffre nel grembo della madre. Quale kirtana?



 Devoti:


bhuliya tomare, samsare asiya,


peye nana-vidha byatha


tomara carane, asiyachi ami,


bolibo duhkehera katha


 -Saranagati di Srila Bhaktivinoda Thakura


 [O Signore, dimenticandTi e nascendo in questo mondo materiale, ho sperimentato una serie di peccati e dolori. Ora mi avvicino ai Tuoi piedi di loto presentando le mie storia di dolore.]


 


Srila Gurudeva: Sì. È questo kirtana. Con questo kirtana, ho sentito dire che quando un'anima condizionata si trova nel grembo di sua madre, il suo corpo è a testa in giù. La testa rivolta verso il basso ed i suoi piedi sono in alto. Egli è tenuto a questa condizione infernale dove è impigliato nelle feci, urine, e altre sostanze sgradevoli. Quando prega per per la sua vita, Bhagavan gli dà il darsana.


 L'anima condizionata dice a Bhagavan: "Prabhu, ora farò il tuo bhajan. Ti prego liberami."


 Ma dopo che Bhagavan lo libera, l'anima condizionata ricade nella sua natura distorta. Seduto sulle ginocchia di sua madre o della sorella, il bambino appena nato sorride o piange. Ha dimenticato la sua promessa di impegnarsi nel bhajan. Poi, si impegna per studiare e ricevere un'educazione. Dopo gli studi, sua madre gli dice: "Figlio mio, io sono malata ora. Dovresti sposarti il più presto possibile. Quando arriverà una nuora, sarò soddisfatta."


 


Così si sposa e, subito dopo, nascono i bambini. Così, è attivamente impegnato a lavorare molto duramente. Anche se a poco a poco diventa vecchio, non può ancora lasciare il samsara. Alla fine, tutti i suoi sensi diventano molto deboli. Ora soffre in solitudine. Egli non può più mangiare deliziosi cibi: non può mangiare Rabadi (un dolce indiano) perché ha il diabete. Che cosa può fare ora? Egli non può mangiare tutto quello che vuole per i problemi di stomaco.


 


Nrsingha Maharaja ha detto: "Dopo aver ascoltato questo kirtana, ho pensato, 'non voglio più rimanere nel samsara. Andrò con i devoti. '"


 Nrsingha Maharaja chiese ai devoti che cantavano “Da dove venite?"


 "Mayapura."


 "Di chi sei discepolo?" 


"Noi siamo i discepoli di Bhaktisiddhanta Sarasvati Gosvami Prabhupada."


Nrsingha Maharaja mi ha detto, "Volevo andare dove si parlava hari-katha. Volevo essere presente ovunque c’erano i kirtana. Alla fine, ho lasciato il mio lavoro. Lasciando tutto, ho dato a mio fratello tutto quello che avevo.“ Chi era questo fratello? Questo fratello era il padre di Srila Vamana Gosvami Maharaja. Era Satishcandra. La moglie di Satishcandra era molto casta e qualificata. Lei è andata subito da Prabhupada e prese l’iniziazione da lui. Era una donna molto severa; poteva anche sgridare il marito.


Andava a dire al marito: "Io non ti permetterò di entrare in casa, se mangi la carne."


Così cacciò il marito da casa. Era una donna molto forte e rigorosa. Lei disciplinò anche i suoi figli. Vamana Maharaja era il maggiore dei suoi cinque figli. Nitai, Nimai, Subala, e Druva erano gli altri fratelli. Anche Subala è diventato discepolo di Guru Maharaja Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja. Ma Druva era una persona molto sfortunata. Quando Guru Maharaja è venuto, Druva giunse per prendere l’harinama da lui.


 Gli dissi: “Puoi prendere l'iniziazione dopo esserti rasato la testa."


 Egli rispose: "Io non posso radermi la testa."


"Allora non puoi prendere l'iniziazione".


Egli rispose: "Allora io prenderò l'iniziazione da qualche altra parte."


 Così, è andato in un altro luogo; si recò dai Babaji. Egli non prese l'iniziazione da Guru Maharaja. Ma tutti gli altri membri della famiglia di Srila Vamana Maharaja si rifugiarono nel nostro Guru Maharaja. Srila Vamana Maharaja era stato chiamato "Santosh," da sua madre. Il padre di Vamana Maharaja non era ancora iniziato.


La madre di Vamana Maharaja disse al marito: "Non lascerò nostro figlio in casa nostra. Lo darò al mio Guru Maharaja. Sarà curato nella Matha. Mio figlio non diventerà come te; egli sarà come me."


 La madre di Vamana Maharaja chiese a Vamana Maharaja, "Vuoi andare alla Matha?"


 "Sì."


 ''Vuoi andare da tuo zio?"


 "Sì."


 Così, lei voleva lasciare Vamana Maharaja in cura a Sripada Nrsingha Maharaja. Nrsingha Maharaja aveva già lasciato il samsara. La madre di Vamana Maharaja pensava che Nrsingha Maharaja era una personalità molto imponente. Quando la madre di Vamana Maharaja chiese a Nrsingha Maharaja chi fosse, lui ha detto che era Nrsingha brahmacari.


La madre di Vamana Maharaja disse: "Pensavo che avessi grandi baffi. Pensavo fossi una personalità molto imponente. Ma tu sei una persona molto semplice. "


 [tutti ridono]


 Così, la madre di Vamana Maharaja ha donato suo figlio a Prabhupada quando aveva solo nove anni. La madre di Vamana Maharaja offrì Vamana Maharaja ai piedi di loto del nostro Guru, Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja. Guru Maharaja era molto famoso a Mayapura. Quando la madre di Vamana Maharaja avvicinò Nrsingha Maharaja, le disse, "Dovresti dare Santosh a Vinoda-da. Lui è padrone di tutti.“ Di conseguenza, diede Vamana Maharaja a Guru Maharaja. A quel tempo, Vamana Maharaja era molto piccolo. Oggi, ho visto una foto di Vamana Maharaja quando era un ragazzino e non potevo credere che fosse lui.


Sripad Madhava Maharaja: Era il lavoro di un artista.


 Srila Gurudeva: non mi piaceva quel dipinto. Sembrava artificiale. Quando era un ragazzo, Vamana Maharaja era magro e la sua testa era grande. Sono giunto alla Matha quando avevo 24 anni, e Vamana Maharaja aveva più di venticinque anni. Quindi, Vamana Maharaja è stato dato a Srila Prabhupada e al nostro Guru Maharaja quando era bambino. Guru Maharaja lo teneva sempre al suo fianco e lo aveva iscritto a scuola per un certo tempo. Il nostro Guru Maharaja era a capo del Bhaktivinoda Thakura Institute. Così Vamana Maharaja è stato ammesso in questa scuola.


 Guru Maharaja diceva a Vamana Maharaja, "Se mi reciti uno sloka, ti darò il succo di limone e dei dolci."


Vamana Maharaja imparava dieci sloka alla volta e Guru Maharaja molto soddisfatto, gli dava molti dolci. Gli altri ragazzi imparavano uno o due sloka, ma Vamana Maharaja imparava più di quindici sloka al giorno. E, Guru Maharaja amò Vamana Maharaja sin dall’infanzia. Vamana Maharaja era sempre il primo o secondo della classe. Quando Vamana Maharaja era un ragazzino, organizzava tutto per i Vaisnava: per farli sedere e onore Mahaprasad. Egli distribuiva i piatti di foglie, una fetta di limone e il sale. Nel Bengala, si devono dare questi tre elementi insieme. Anche se non si dà l’acqua, si deve sicuramente servire il sale perché ci sono molte preparazioni. Così, quando era un ragazzo, il servizio di Vamana Maharaja era di dare i piatti di foglia e l’acqua. Quando tutti i vaisnava finivano di onorare prasada, Vamana Maharaja lavava l'intera area. Questi erano alcuni dei suoi servizi. Faceva tutti questi servizi dopo aver studiato. Dopo qualche tempo, iniziò a tagliare le verdure. Era capace di raccogliere e tagliare le verdure in un modo di prima classe. Per il tempo in cui doveva finire, Vamana Maharaja aveva tagliato tutte le verdure. Io non sapevo come si faceva; solo dopo essere venuto alla Matha ho imparato un po'. Ma Vamana Maharaja ha imparato tutti questi servizi perché era residente nella Matha da quando era un ragazzino.


Sapeva tutto. Imparò a servire i Vaisnava nella Matha. E nel frattempo studiava. Non c'era nessuno studente come Vamana Maharaja. Insieme a Vamana Maharaja, solo uno o due studenti sono rimasti al tempio. Gli altri studenti hanno lasciato la Matha dopo il diploma. Pertanto, Vamana Maharaja non incoraggiava nessuno a studiare. Io sono venuto più tardi, quindi io dico a tutti di studiare o fare qualcosa.


 Ma Vamana Maharaja disse: "No. Non è necessario studiare. Nessuno rimarrà nella Matha dopo aver studiato. Guru Maharaja, Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja, ha mandato molti devoti a scuola. Ma dopo aver finito la scuola, la maggior parte di loro hanno lasciato la Matha. Soprattutto chi ha imparato il sanscrito ha lasciato i devoti."


 Anche Guru Maharaja non ha mai incoraggiato nessuno a studiare. Chi aveva studiato e poi era venuto alla Matha, ha trovato la sua conoscenza adatta per i servizi nella Matha. Ma, chi è andato a studiare dopo che era entrato al tempio, per lo più se n’è andato. Diventavano atei. Ci sono stati molti devoti che sono stati mandati a studiare. Hanno studiato la grammatica sanscrita e tutto il resto. Ma quando andavano al tempio di Thakuraji, rubavano il flauto di Thakuraji e altri ornamenti per venderli. Oppure portavano tutto a casa. Una volta, uno dei nostri Panditaji era andato a prendere un bicchiere di latte per Guru Maharaja. aveva raccolto anche la crema di latte sulla parte superiore. Quindi, utilizzando un filo di paglia, egli con molta destrezza bevve l'intero bicchiere di latte che era destinato a Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja.


[tutti i devoti ridono]


 Non una goccia di latte è stata lasciata. Oh fratelli, voi non dovete diventare educati in questo modo. Io dico ad alcune persone studiano perché mi dispiace per loro. Ma vedevo che la maggior parte dei ragazzi che studiavano diventarono atei. Un ragazzo di Vrindavana e altri ragazzi divennero atei pur essendo stati educati. Quindi, va bene venire alla Matha dopo aver studiato. Oppure, è giusto il diritto allo studio pur risiedendo nella Matha. Siamo giunti alla Matha e abbiamo iniziato a studiare le scritture. Quindi, Vamana Maharaja aveva capito questo fatto. E ‘ stato nella Matha da quando era un bambino di nove anni. Prabhupada Bhaktisiddhanta era lì, allora.


Ho chiesto a Vamana Maharaja, "Srila Bhaktiraksaka Sridhara Maharaja giunse poco dopo?"


Vamana Maharaja disse: "No, tu non lo sai. Srila Sridhara Maharaja è venuto dopo di me. Era più giovane."


 Vamana Maharaja ha vissuto nella Matha da molti anni. Lui è Kakabhusandi; è un residente molto anziano del tempio. Egli era anche molto realizzato. Il suo linguaggio è di altissimo livello. Ma quando necessario poteva parlare un linguaggio colloquiale. Parlava la lingua dei residenti di quella zona. Mahaprabhu prendeva in giro le persone che parlavano il linguaggio 'Silahati'. Allo stesso modo, anche Vamana Maharaja prendeva in giro i residenti locali. A quel tempo, pochi sapevano il livello di realizzazione di Vamana Maharaja. Nello stesso tempo, Prabhupada manifestò la sua aprakata-lila. Prabhupada aveva già dato l’harinama a Vamana Maharaja. Il mio Guru Maharaja quindi prese in custodia Vamana Maharaja. Si Vamana Maharaja sentiva di essere fortemente influenzato dal nostro Guru Maharaja. Si sentiva completamente attratto al mondo spirituale in presenza del nostro Guru Maharaja. Il suo cuore si scioglieva in sua presenza. Pertanto, dovete capire che Guru Maharaja era tutto per lui. Guru Maharaja ha dato a Vamana Maharaja l’harinama, diksha, e sannyasa. Ha solo accettato Guru Maharaja. A volte, Yayavara Maharaja vorrebbe dire qualcosa, ma non ha detto nulla. Vamana Maharaja rimase sempre con Bhaktièrajana Kesava Maharaja da quando si era unito alla Matha. Aveva dato il suo cuore a lui. Ma alcune persone parlano altrimenti, ma non accettiamo tutto quello che dicono.


 Dopo la scomparsa di Prabhupada, iniziarono delle faide nella Gaudiya Matha. A quel tempo, c'era tanto caos. Guru Maharaja, Narahari Prabhu, Nrsingha Maharaja, e i loro vicini collaboratori sono stati imprigionati. C'erano circa quindici devoti. Un caso di omicidio era stato presentato contro di loro. Sono stati falsamente messi sotto processo. A quel tempo, Vamana Maharaja era ancora un adolescente. Ma, ha gestito tutti i documenti e gli altri aspetti legali. Andava a cercare l'aiuto di avvocati. Cucinava il prasadam e lo portava a tutti i devoti imprigionati. Tutti andavano qua e là; ma Vamana Maharaja rimase fisso. Vamana Maharaja spiegò la situazione dei devoti agli avvocati. Era ancora un bambino; tuttavia, era imperterrito. Ma, faceva tutto. Guru Maharaja dava molta fiducia a Vamana Maharaja.


 Una volta, Vamana Maharaja aveva la febbre alta. Eppure, Guru Maharaja gli disse: "Santosh!"


 Sripad Madhava Maharaja: Sajjana?


 Srila Gurudeva: No. Guru Maharaja chiamava Vamana Maharaja, "Santosh," anche quando c’ero io. Molti devoti visitavano Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja ovunque era solito andare. Quando Vamana Maharaja aveva la febbre a 40, più di un centinaio di devoti andarono in visita da Guru Maharaja. Ogni volta che qualcuno andava in visita, Guru Maharaja diceva a Vamana Maharaja di cucinare anche se era nel bel mezzo della notte. Anche questa volta molti devoti erano venuti, e Guru Maharaja disse a Vamana Maharaja di cucinare. Vamana Maharaja cucinò molte preparazioni. Ora invece ci consideriamo i padroni di casa. Anche se ci sono un sacco di verdure, non vengono cucinate. Ma Vamana Maharaja faceva tutto. Dall’inizio alla fine. Sapeva riparare le scarpe e fare anche il Candi-pata.


 Vamana Maharaja diceva: ''Guru Maharaja mi faceva fare tutti i servizi."


 Ora invece se raccogliamo cinque paisa in donazione, pensiamo di essere elevati. Faremo qualche servizio all'inizio; dopo di che ci rifiuteremo di fare qualsiasi altro servizio. Allora come potremo garantirci il nostro auspicio? Bisogna svolgere il servizio in base alla propria idoneità. Ho visto personalmente che Vamana Maharaja distribuiva i piatti di foglie e il sale anche dopo che io sono arrivato alla Matha. Poi editava il Gaudiya Patrika. Il Gaudiya Patrika è iniziato dopo il mio arrivo. Vamana Maharaja si prendeva cura della stampa e più volte andava avanti e indietro da Navadvipa a Kolkata. Vamana Maharaja andava ripetutamente a Kolkata per la pubblicazione nonostante noi gli dicevamo di non farlo. Un giorno, la sua gamba è rimasta bloccata sotto il tram. Guru Maharaja e tutti noi gli abbiamo chiesto di smettere di andare costantemente; così Vamana Maharaja ha ceduto. Vamana Maharaja era impegnato nel seva continuamente- pur avendo la febbre a 40. Io sono arrivato da Guru Maharaja alla fine del 1946. La Gaudiya Vedanta Samiti è stata istituita nel 1940. Vamana Maharaja aderì alla Matha nel 1930. Non aveva molte responsabilità, allora. Era impegnato nei suoi studi in quel momento. Ma, quando Guru Maharaja iniziò la Gaudiya Vedanta Samiti, Vamana Maharaja divenne responsabile di numerosi servizi. Lui rispondeva a molti devoti a nome di Guru Maharaja. Sorvegliava tutto. E, durante l'esecuzione di diversi servizi, era impegnato anche nella predica. Poi cucinava per tutti. Era in grado di fare tutti questi servizi. Ora invece nessuno fa più questi servizi. Lasciate tutti i servizi e scappate.


Quando ero con Guru Maharaja, Vamana Maharaja ha iniziato a essere responsabile della stampa. Dopo qualche tempo, sono andato anche a predicare. Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja poi disse: "Lui (Vamana Maharaja) non può cucinare per tutti. Egli può cucinare per due o tre di noi. Il resto del prasad può essere mischiato con il nostro e distribuito.“ Celebravamo feste dove molte migliaia di persone sarebbero venute. Ma Guru Maharaja pensava sempre a noi. Sapeva che non potevamo gestire questi festival. Nel mio precedente asrama, avevo molti inservienti che cucinavano per me. Non avevo mai cucinato in vita mia. Ho imparato a cucinare in pochi giorni e mi piaceva cucinare per Guru Maharaja. Ma non potevo cucinare durante i festival.


 Così, Vamana Maharaja aveva grande esperienza in tutti i servizi. Riusciva a trascrivere ciò che Guru Maharaja gli dettava. Lui rispondeva a molte lettere a nome di Guru Maharaja. Un giorno, si è fatto male durante l'uso della stampante. Come risultato, il dito ha cominciato a sanguinare copiosamente. Guru Maharaja ha iniziato a piangere e subito lo ha portato in ospedale. Guru Maharaja si è preso cura personalmente di Vamana Maharaja fino a quando non era completamente guarito. Questo era il profondo affetto di Guru Maharaja per Vamana Maharaja. Può Guru Maharaja dimenticare devoti come lui? Krishna può mai dimenticare qualcuno che ha rinunciato alla moglie, ai figli, alla famiglia, alla ricchezza, e tutti gli altri? Potrà Krishna mai lasciare tale devoto? Non lo può lasciare. Mi ricordo di molti episodi della vita di Vamana Maharaja. Non ne ricordo solo uno o due. Se apro questo magazzino di ricordi, allora molti episodi della vita di Maharaja possono essere raccontati. Vamana Maharaja andò in molti luoghi a predicare con Guru Maharaja e con me. Dopo la cucina, io andavo a lavare le pentole. Ma i contenitori diventavano secchi e incrostati a volte. Allora Vamana Maharaja veniva a pulire tutte le pentole. Organizzava l'itinerario di Guru Maharaja e gli diceva quali argomenti doveva discutere in ogni luogo. Poi trascriveva le lezioni di Guru Maharaj e le avrebbe subito pubblicate nel Gaudiya Patrika. Lui faceva tutto. Sto parlando in base ai ricordi che mi vengono in mente. Non parlo in ordine cronologico.


 Un giorno vidi Vamana Maharaja parlare ai bambini. Stava parlando con i bambini che venivano da Chuncura e anche con i bambini vicini. A quel tempo tutti i bambini erano così incantati mentre lo sentivano parlare. Questi piccoli bambini chiamavano Vamana Maharaja con la parola Prabhu e ascoltavano ardentemente le sue parole. Vamana Maharaja si impegnava instancabilmente nel seva. Ma quando era stanco stanco durante il seva di pubblicazione dei libri, senza dirlo a nessuno di noi, andava a Krishnacandrapura. Lì, viveva la nostra Pishima (zia in Bengali). Andava a casa di Pishima. Lei considerava Vamana Maharaja come suo figlio. Così, Vamana Maharaja andava a casa sua senza dirlo a nessuno. Lasciava il tempio a Chuncura alle sette e avrebbe raggiunto Kolkata verso le nove. Alle dieci, prendeva la coincidenza per Sealdah. Dopo dieci o dodici fermate, viene Majinpur-Jayanagar. Dopo aver raggiunto il luogo, doveva camminare per 10 km per raggiungere un villaggio. A quei tempi, c'era una fitta foresta. Non c’erano i risciò. Non c'era una strada asfaltata. C'era una foresta di bambù. Il percorso per raggiungere il villaggio era molto pericoloso. Se il treno fosse arrivato in ritardo, allora avrebbe ulteriormente ritardato.


 Così, quando Vamana Maharaja si stava recando al villaggio, vide che molte lampade erano accese Pensò: "Cosa sta succedendo?" Mentre Vamana Maharaja parlava ai bambini, lo ascoltavano attentamente. Alcuni erano addirittura spaventati. Pensavano che stava raccontando una storia di fantasmi.


 Vamana Maharaja disse: "Ho visto che era in corso una cerimonia di matrimonio. Due persone sono venute verso di me dicendo, 'c'è una cerimonia di matrimonio in corso, e devi mangiare e poi andartene.' Alcuni persone poi mi ha circondato da tutti i lati. Ho pensato, 'Ci deve essere un matrimonio.' Mentre camminavo più avanti, mi sono imbattuto in un cimitero. Lì ho visto molte persone. Mi hanno detto, ‘Devi essere il sacerdote della cerimonia nuziale, dopo tutto sei un brahmacari.' Mi hanno circondato da tutti e quattro i lati. Ero ansioso. Ho pensato, ’Sapevo che questo percorso era molto pericoloso. Sono stato circondato da persone che non sembrano avere buone intenzioni‘' Ma non si avvicinano a me perché ho iniziato a cantare Hare Krishna Hare Krishna sul rapa di perle di Tulasi


Poi i bambini con ansia chiesero a Vamana Maharaja, "Cosa è successo dopo?"


[tutti ridono]


 Vamana Maharaja disse: "Devi mangiare qui e poi andartene. Ho pensato: 'Come posso mangiare in un luogo sconosciuto. E io non so nemmeno che cosa hanno cucinato. Non pensavo che quelle persone fossero fantasmi; piuttosto ho pensato che fossero briganti o altri malfattori. Così, sono rimasto in silenzio."


 Vamana Maharaja non era solito parlare molto. Così, si è seduto in silenzio e le persone intorno a lui parlavano tra di loro. Vamana Maharaja capì che stavano parlando di lui. Vamana Maharaja disse ai bambini: "Se non avessi avuto il mala, chissà che cosa mi avrebbero fatto? Queste persone hanno mantenuto la distanza.“ Ho detto loro, 'Adesso devo andarmene.' Come ho iniziato ad andarmene, mi hanno circondato da tutti e quattro i lati. Appena ho iniziato a cantare Hare Krishna Hare Krishna ad alta voce, hanno iniziato a mantenere le distanze da me. Quando ero lontano, ho sentito queste persone che dicevano, 'Oggi, si è salvato. Ma, se non avesse cantato il mahamantra, allora non lo avremmo lasciato.'"


 Quindi, queste persone organizzarono una carrozza coi cavalli per Vamana Maharaja e lui raggiunse la stazione ferroviaria dopo aver attraversato il bosco. Gli hanno inoltre dato un grande cesto di frutta. Appena Vamana Maharaja raggiunse la stazione, la carrozza misteriosamente scomparve. E nessuno si vide più. I frutti scomparvero.


Vamana Maharaja disse ai bambini: "ho avuto molta paura. Quando ho raggiunto la casa di Pishima, mi ha detto, 'Baba, dove sei stato durante la notte? Ti sei salvato la vita. Considerati molto fortunato, altrimenti potevi essere morto'.


 Ho detto a Pishima, 'mi sono imbattuto in tante figure misteriose quando sono andato al villaggio. Mi hanno circondato da tutti i lati '.


 Pishima rispose: 'Erano i fantasmi. Uccidono molte persone ignare '.


 Sono riuscito a scappare perché stavo cantando l’harinama. Altrimenti non mi avrebbero lasciato andare. "


 Quindi, i bambini venivano tutti i giorni ad ascoltare Vamana Maharaja.


 [tutti ridono]


 Un giorno, mentre Vamana Maharaja stava predicando, molti bambini si sedettero attorno a lui a sentirlo parlare. Vamana Maharaja aveva ormai preso sannyasa. I bambini dicevano: "Dadu, puoi vedere le mie mani e leggere il mio futuro?"


 Vamana Maharaja rispondeva: "Sì. Io conosco l’arte della lettura della mano. "


 Vamana Maharaja parlava con i bambini in questo modo. Accettava tutto quello che dicevano. Vamana Maharaja poteva dire a qualcuno, "La tua mente è irrequieta e il tuo stomaco è disturbato". Ma poteva capirlo dall'esterno?


Devoti: No.


Srila Gurudeva: L'uomo appariva snello e magro.


 [Risate]


 


Vamana Maharaja avrebbe detto all'uomo, "La tua salute non è buona perché il tuo stomaco ha qualche problema. Non puoi studiare perché la tua mente è inquieta.“ Vamana Maharaja avrebbe parlato in questo modo, solo osservando una persona. Lui capiva tutto.


 La gente pensava, "Maharaja è un siddha-purusha. Egli è una personalità perfetta. Lui sa tutto.“ Vamana Maharaja avrebbe parlato alla gente comune in questo modo. Quando le persone in cerca di una guida spirituale venivano da lui, parlava della coscienza di Krsna. Parlava a ogni persona secondo la sua qualifica. Quando eravamo in Assam, alcune persone dubitavano sulla figura divina di Mahaprabhu. Così Vamana Maharaja citò quarantanove sloka. Non aveva bisogno di rileggere questi sloka. Ha citato questi sloka uno dopo l'altro. Lui è il dizionario vivente del Gaudiya Vaisnava siddhanta. Noi dimentichiamo, ma Vamana Maharaja non dimentica mai. Quando eravamo al Radharani Kunja, ho parlato di un accadimento.


 Durante il parikrama, Guru Maharaja dettava e Vamana Maharaja scriveva immediatamente ogni parola. Guru Maharaja dettava dei saggi. Srila Bhaktiprajnana Kesava Maharaja parlava con molte persone e dettava saggi al tempo stesso. Quando parliamo o scriviamo, ci manca qualche parola. Ma Guru Maharaja parlava perfettamente e Vamana Maharaja scriveva il dettato perfettamente. Non c'era bisogno di rileggere ciò che Vamana Maharaja aveva scritto. Anche Trivikrama Maharaja è uno scrittore perfetto. Tuttavia, egli non può identificare alcune parole errate, ma Vamana Maharaja non potrà mai farlo. Al giorno d'oggi, non vedo nessuno che può scrivere o correggere le bozze in questo modo. Prima di venire alla Matha, conoscevo solo Srila Madhusudhana Maharaja che si chiamava Narottamananda brahmacari. Ho dato una lettera a Madhusudhana Maharaja e Maharaja ha dato questa lettera a Guru Maharaja. Guru Maharaja ha poi dettato la risposta a Vamana Maharaja. Guru Maharaja mi chiamava, "Tiwariji." Guru Maharaja e Vamana Maharaja avevano corrisposto con me attraverso molte lettere.


 Vamana Maharaja inviava le risposte a nome di Guru Maharaja. Quindi avevo familiarità con la calligrafia di Vamana Maharaja. Ho lasciato tutto e sono andato alla Matha nel dicembre del 1946. Quando ho raggiunto la stazione di Navadvipa, ho visto un brahmacari che mi cercava utilizzando una lanterna. Mi ha chiesto: “Sei Tiwariji?"


 Sripad Madhava Maharaja: Stava parlando in bengali?


 Srila Gurudeva: Stava parlando in hindi e bengali. Ho chiesto al brahmacari, "Chi sei?"


Il brahmacari rispose: “Ti ho scritto molte lettere, per conto di Guru Maharaja."


«E allora come fai a sapere che io sono la stessa persona alla quale hai inviato le lettere?"


 "Guru Maharaja ha detto che saresti arrivato oggi."


 Non avevo scritto nessuna lettera a Guru Maharaja. Avevo lasciato casa senza dirlo a nessuno. Ero andato via alle undici di notte e dopo aver passato le stazioni di Katwa, e Vardhamana, ho raggiunto Navadvipa. Dopo aver raggiunto la stazione, mi sono chiesto: "Dove andrò?" Nel frattempo, ho visto il brahmacari che altri non era che Vamana Maharaja. Lui mi avrebbe dato tutto quello di cui avevo bisogno nella Matha. Vamana Maharaja andava a predicare con Guru Maharaja ovunque. Prendeva appunti dalle lezioni di Guru Maharaja e scriveva numerosi saggi.


Una volta, siamo andati sulle rive di un fiume, nel quartiere chiamato Medinipura Gehukali. Quando ci siamo stati per un mese, sono state organizzate per Guru Maharaja più di quaranta conferenze . Lì, Vamana Maharaja prendeva appunti dei discorsi di Guru Maharaja in tutti questi luoghi. Quando eravamo in uno di questi luoghi, era stata organizzata un'assemblea . Molti dirigenti scolastici, insegnanti e persone colte erano presenti. Pujyapada Shrauti Maharaja aveva preso Guru Maharaja e noi insieme a lui per andare in questa riunione. Io ero il kirtaniya di Guru Maharaja in questa occasione. Sebbene Vamana Maharaja conosceva tutti i kirtana, egli non cantava. Era come Hanuman. Era sempre in silenzio come se non sapesse nulla. Realizzava le proprie qualità solo quando qualcuno le nominava, proprio come Hanuman realizza le sue qualità quando qualcuno lo glorifica. Il nostro Dinabandhu Babaji Maharaja era presente. Era discepolo di Srila Prabhupada. Non sapeva come suonare bene la mrdanga; tuttavia, era l'unico che poteva suonare. E, Guru Maharaja dava la lezione. Quando eravamo lì, Guru Maharaja ha parlato in modo molto forte. La missione Ramakrishna predica che indipendentemente dal mezzo di trasporto utilizzato, si potrà raggiungere la stessa destinazione. Allo stesso modo, si può credere nel culto di Shiva, Durga, Kali, o di qualsiasi altra divinità; ma tutti raggiungeranno la stessa destinazione. Dicono anche che quando si va in alto nel cielo, si vede che tutto in basso è lo stesso. Dicono che quando si è seduti in aereo, potrete vedere tutte le cose in basso allo stesso modo. Così, si dice che colui che vede tutti i dharma allo stesso modo, raggiungerà Bhagavan. Sia gli atei, che i teisti, e tutti gli altri raggiungeranno Bhagavan. Tutti i percorsi convergono in un unico luogo. Loro dicono che si dovrebbe vedere tutto come la stessa cosa, perché questa è la visione di chi va in alto ovvero il sama-darsi.


 Dicono anche che mettendo una lettera in qualsiasi casella postale, tutte le lettere saranno portate in un solo luogo. Guru Maharaja ha tagliato a pezzi queste teorie. Se uno va su nel cielo e vede le montagne e l'erba in basso come fossero lo stesso, può essere che i suoi occhi siano difettosi. Non riesce a vedere correttamente a causa di questo. Le montagne, i fiumi, gli alberi, l'erba e non possono mai essere la stessa cosa. Lui, che vede tutti essere uno, cioè che considera tutto e tutti essere lo stesso, possiede una conoscenza del tutto errata. Se si scrive una lettera con due diversi indirizzi e la si spedisce, allora la lettera raggiungerà lo stesso posto? Se inviate una lettera con gli indirizzi di Mumbai e Calcutta, allora la lettera andrà in entrambe le città o in una sola città? Se scrivete un migliaio di lettere con mille indirizzi, allora queste lettere andranno ai previsti mille destinatari; le lettere non andranno tutte in un solo luogo.


 Consideriamo un altro esempio. Due treni sono diretti rispettivamente a Kolkata e Mumbai. Potrete raggiungere Mumbai salendo a bordo del treno che si sta dirigendo a Kolkata? Riusciranno i due treni ad andare nello stesso posto? Pensare che tutto è uguale è completamente sbagliato. Questa filosofia fuorviante è solo per le masse ignoranti. Pertanto, solo praticando l’escusiva Bhagavat bhakti, si può raggiungere Bhagavan. Se non con la bhakti, non è possibile raggiungere Bhagavan seguendo qualsiasi altro percorso. Tutti i dharma non sono uguali. Può un ladro raggiungere Bhagavan? Può un delinquente raggiungerLo? Può un ateo raggiungere Bagavan? Questo è completamente sbagliato. Una persona prega Sankaraji per la ricchezza, i figli, la famiglia, e tutto il resto. Banasura pregò Sankara per la ricchezza e ha accumulato molta ricchezza. Il brahmana di Govardhana pregò Kamakhya Devi e lei li rese inclini verso Krishna. Inoltre, Sankaraji gli disse di andare a Mathura quando venne a Kasi. Gli disse di non stare a Kasi. Così, egli dà ciò che i fedeli vogliono.


 i devoti della Bhagavat bhakti e i seguaci del samsara raggiungeranno la stessa destinazione? La Bhagavad Gita non parla mai in questo modo. La Gita dice:


 ye yatha mam prapadyante


tam tathaiva bhajamy aham


 -Bhagavad Gita 4.11 


[Come tu arrendi a me, io ti ricompenso di conseguenza.]


 


yanti deva-vrata devan


pitrn yanti Pitr-vratah


bhutani yanti bhutejya


yanti mad-yajino 'pi mam


 -Bhagavad Gita 9.25


 [Coloro che adorano gli esseri celesti nasceranno tra gli esseri celesti; coloro che adorano gli antenati vanno agli antenati; coloro che adorano i fantasmi e gli spiriti prenderanno nascita tra questi esseri; e coloro che adorano me, vivranno con me.]


 Krishna dice, “Se adorate gli esseri celesti, si raggiungerà la dimora degli esseri celesti. Se si adorano i fantasmi, si andrà alla dimora dei fantasmi. E, uno che Mi adora non sarà mai distrutto. Egli verrà a Me; a Vaikuntha".


 Quindi, tutti i percorsi non sono la medesima cosa. Quando Guru Maharaja ha parlato in questa in assemblea, i dirigenti scolastici, gli insegnanti, e alcune persone del pubblico hanno cominciato a protestare. Ma i vaisnava hanno pienamente supportato Guru Maharaja. Quando la protesta è cresciuta, Guru Maharaja ha chiesto un altro incontro il giorno successivo. I membri che guidavano la protesta del pubblico hanno detto: "Domani, chiameremo lo Swamiji di Belur."


Guru Maharaja rispose: “Il tuo Guruji non verrà. Sono pronto a registrare la mia previsione. Dovreste andare."


 I membri hanno detto, "Dateci tempo cinque giorni. Porteremo il nostro guru tra cinque giorni."


 "Tutto ok. Ho intenzione di andare a Chuncura domani. Lascio il mio bambino (Vamana Maharaja) qui solo nel caso in cui il guru arrivi prima. Non c'è bisogno per me di venire. Il vostro guru e può domandare a Vamana Maharaja tutto quello che vuole. Egli risponderà. Ma se vi è la necessità, io verrò . Il nostro piccolo bambino è più che sufficiente per rispondere a tutte le vostre domande. Quando il vostro guru saprà che Kesava Maharaja è arrivato, che dire del vostro guru, anche tuo padre non verrà? "


 Infatti, successe esattamente tutto ciò che il nostro Guru Maharaja aveva predetto. Guru Maharaj disse loro: "Pagherò il suo biglietto per vedere il tuo guru." Ma quando le migliaia di membri che protestavano sono andati dal loro guru, si è rifiutato di venire a incontrare il nostro Guru Maharaja. L’aver menzionato il nome di Guru Maharaja ha causato grande paura nel loro guru. Se fossero davvero giunti, Vamana Maharaja avrebbe risposto a tutte le loro domande e sconfitto le loro concezioni.


C'era un giudice distrettuale che ha voluto incontrare Guru Maharaja. Per caso, ha iniziato a parlare con me. Abbiamo parlato di Sanatana Gosvami. Mi ha detto, "i libri di Sankaracarya sono i più autorevoli."


Ho risposto, "i libri di Sanatana Gosvami come l’Hari-bhakti-vilasa sono i più autorevoli. Sankaracarya è un avatara di Sankara. E Sanatana è Lavanga Manjari, un residente di Goloka Vrndavana. Come si possono confrontare i due?"


Egli disse: “Come è possibile?"


 Nel frattempo, Guru Maharaja era seduto in una sala interna e ascoltava. Poi giunse dove eravamo e sconfisse le argomentazioni del giudice distrettuale. Il giudice si sentì assediato, incrociò le mani e corse via.


[Risate]


Che dire di Prabhupada, anche Guru Maharaja ha avuto questi seguaci qualificati. I discepoli di Srila Prabhupada erano molto felici nel vedere Pujyapada Vamana Maharaja, Pujyapada Trivikrama Maharaja, e me. Srauti Maharaja e altri erano molto felici nel vederci.




I discepoli di Srila Prabhupada ci dicevano: "Anche quando ce ne andremo, siamo convinti che voi tre continuerete questa linea della pura devozione. Pertanto, quando lasciamo questo mondo, lo faremo molto volentieri. E, tutti voi dovreste promettere che continuerete questa linea dopo di noi ". Quindi, tutti ci rispettavano tanto. Srauti Maharaja ci ha insegnato tutto e poi se ne andò. Come ho detto prima, Vamana Maharaja esemplifica la qualità di sahisnuta, la tolleranza. Inoltre, egli non si è mai lodato. Noi ci glorifichiamo in un modo o nell'altro, ma non ho mai visto questa qualità in Vamana Maharaja. Molte persone dicono: “Sono andato in Inghilterra. Da lì, sono andato in America, Francia, e molti altri paesi. Quando io parlo in inglese, tutti i devoti si ipnotizzano.” Molte persone si auto-glorificano in questo modo.


[Risate]


 Ma non ho mai visto una tale qualità in Vamana Maharaja; egli non si è mai lodato. Lodiamo noi stessi, ma Vamana Maharaja non lo fece mai. Questa è la sua specialità. La sua tolleranza è senza pari.


 Ho sempre considerato Vamana Maharaja come il mio Siksa Guru. Ma, Vamana Maharaja mi diceva sempre: "Se te ne vai, allora non voglio parlare più". Lui litigava amorevolmente con me per dire, "Dovresti parlare. Devi Parlare, devi parlare.“ Era molto timido. Questa timidezza è un grande ornamento. Ma noi non abbiamo questa qualità. Eppure, Vamana Maharaja ha questa qualità. Lui è così tollerante, serio, e sobrio in tutti gli aspetti. Egli è profondamente realizzato in tutte le Scritture. Poteva facilmente citare qualsiasi sloka di qualsiasi sastra. Egli ricorda tutto.


 Ora, il tempo è finito. Parlerò ancora delle glorie di Vamana Maharaja un altro giorno. Mi ricordo molte delle sue qualità. 


Concludo per oggi.



 Vanca-kalpa-tarubyas ca kripa sindhubhya eva ca


patitanam pavanebhyo vaisnavebhyo namo namah


...

--

sito web: www.gaudiya.it

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi siamo

  VRINDA PARIVAR è una istituzione nata con l’obiettivo di risvegliare la coscienza di ogni individuo. Riunisce tutti coloro che si sentono ispirati da un’ideale ecologico-umanitario-spirituale e dal misticismo del nostro divino essere interiore. Per tale motivo invita a partecipare chiunque ne condivida la missione, gli obiettivi e le mete. I membri presenti si compromettono nell’appoggiare in forma morale, spirituale e materiale le seguenti mete e progetti qui presentati: -          Proclamare una coscienza di vita semplice e pensiero elevato -          Cercare di creare una coscienza vegetariana con il fine di stabilire una società libera da una violenza non necessaria contro i nostri fratelli minori, gli animali. -          Creare infrastrutture e preparare individui che aiutino a purificare e sanare la società, ispirandola ad acquisire valori superiori. -          Divulgare un tipo di educazione basata su valori spirituali universali. -          Aiutare ad eliminare pregiudizio e

Cos'è Vrinda?

VRINDA è un Istituto per l'armonia e l'amore universale, fondato nel 1984 da Srila Guru Maharaj Bhakti Aloka Paramadvaiti Swami. Dopo la partenza da questo mondo del suo Maestro Spirituale Srila A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, il nostro Guru Maharaj Srila B. A. Paramadvaiti Swami ha continuato con fede la missione del suo Maestro e ha istituito nel 1984 la famiglia VRINDA a Vrindavan – India. Oggi VRINDA ha centri in Colombia, Cile, Ecuador, Perù, Argentina, Bolivia, Uruguay, Brasile, Panama, Costa Rica e altri paesi del Centro, Nord America e Europa. VRINDA rappresenta l'ex Scuola Iniziatica dell'India chiamata "Brahma Gaudiya Sampradaya" che ha più di 5.000 anni di esistenza sulla terra. Attraverso i suoi fondatori e i suoi rappresentanti, molte persone in tutto il mondo si sono entusiasmate della missione e si sono rapidamente formati centri affiliati cercando di creare un'integrazione globale sotto i precetti dell'Armonia Universale del Bhakti

Cerchiamo di essere semplici

da un testo di Bhakti Dayita Madhava Maharaj una riflessione di Sua Divina Grazia Srila Bhakti Aloka Paramadvaiti Maharaj Cerchiamo di essere semplici, onesti, ammettiamo i nostri stessi errori, debolezze e imperfezioni. Non comportiamoci in un modo che non tenga conto della corretta etichetta Vaishnava, con particolare attenzione ai devoti anziani. Ricorda sempre che le nostre vite devono essere usate per raggiungere l'obiettivo spirituale finale. Sei venuto alla Coscienza di Krishna sperando di ottenere il Signore e la Sua misericordia. Non prestare attenzione alle prese in giro e alle lodi degli altri. Mantieni costantemente e con cautela la tua attenzione sul tuo obiettivo originario. Cerca di accettare ciò che è favorevole alla bhakti e rifiuta ciò che non lo è. Il nostro protettore e custode è Śrī Kṛṣṇa. Pertanto, ci si deve sottomettere completamente ai Suoi piedi. Una persona arrogante non ha la devozione e la misericordia del Signore. Comprendi il vero valore della tua vit