Passa ai contenuti principali

Consigli di Gour Govinda Swami

 



Cari fratelli e sorelle,

Omaggi!

Jai Srila Prabhupada,

Jai Srila Gurudeva!

Dedicate gentilmente 6.3 minuti del vostro tempo prezioso per leggere questo messaggio.

Un nostro confratello a Mayapur una volta si avvicinò a Guru Maharaj e gli chiese: “Se avessi del tempo libero cosa insegneresti ai tuoi discepoli?” Probabilmente Prabhu si aspettava che egli dicesse che un gurudeva insegnerebbe aspetti profondi della Bhakti a Radha Krishna, segreti del Bhagavatam e i passatempi di Sri Caitanya Mahaprabhu. Sorprendentemente la risposta di Guru Maharaja fu molto diversa. ” Se avessi tempo per insegnare ai miei discepoli, insegnerei loro a rispettare i genitori, gli anziani, amici e Vaishnava, insegnerei loro ad aiutare, servire e assistere gli altri nel loro servizio, insegnerei loro a perdonare e dimenticare gli errori altrui. Insegnerei loro a mostrare amore, affetto e compassione per i loro confratelli e Vaishnava, insegnerei loro ad avere un cuore grande per accettare tutti incondizionatamente.”

Guru Maharaj continuò ancora e disse che se voi amate qualcuno, qualcuno amerà voi. Se mostrate misericordia, qualcuno sarà misericordioso con voi. Se giudicate qualcuno, qualcuno giudicherà voi. Se avete fiducia e fede in qualcuno, qualcuno avrà fiducia e fede in voi. Se insultate qualcuno, qualcuno insulterà voi. Se incoraggiate qualcuno a servire Guru e Krishna secondo le sue possibilità, qualcuno incoraggerà voi in questo senso. Se fate del male a qualcuno, qualcun altro farà male a voi. Se mostrate nel viso compassione durante il dolore di un altro devoto o per le sue cadute e segretamente godete nel cuore per la sua condizione, qualcuno farà lo stesso con voi.

Prabhu disse che questi erano tutti aspetti mondani e materialistici. Guru Maharaj rispose immediatamente che questo è il problema con i nostri devoti. Noi parliamo di principi elevati della Bhakti e predichiamo ampiamente sulla coscienza di Krishna, ma veniamo meno nel realizzare e assorbire queste cosiddette qualità umane semplici ma grandi, che sono le vere fondamenta del carattere Vaishnava.

Guru Maharaj disse anche che il maggior impedimento che ritarda la crescita di un Vaishnava è l’invidia e i cattivi sentimenti verso altri Vaishnava che fanno del loro meglio per servire Guru e Krishna. Prabhu comprese i sentimenti più profondi di Guru Maharaj e lo ringraziò per averlo illuminato su questo aspetto non solo importante ma fondamentale.

Noi tutti affermiamo che Guru Maharaj è il nostro padre spirituale e noi siamo i suoi figli che si dichiarano confratelli e familiari, facciamo quindi uno sforzo per aderire agli insegnamenti del nostro Guru Maharaj. Quando diamo felicità agli altri, automaticamente la felicità si accenderà in noi. Il nostro primo traguardo per il tempio o il progetto congregazionale deve essere di portare a realizzazione la parola “confratello”.

Srila Prabhupada piangeva quando vedeva i devoti criticarsi e trovarsi difetti l’un l’altro anziché restare uniti e correggersi a vicenda con amore e affetto.

Osservando lo scenario attuale della nostra congregazione e dei devoti del tempio che risulta dalle differenze e dai conflitti personali tra i devoti dobbiamo cambiare questa immagine, e questo cambiamento deve incominciare da noi, iniziando da me. Incominciamo con l’amarci l’un l’altro, rispettarci a vicenda, aver compassione l’uno per l’altro e preoccuparci sinceramente del reciproco benessere. Dobbiamo piangere quando altri devoti si trovano nel dolore o deviano dal cammino. Dobbiamo offrire il nostro supporto al massimo delle nostre possibilità anziché evitarli o buttarli giù.

Una volta che tutti uniremo le nostre forze per portare questo cambiamento, la direzione del tempio e della congregazione funzionerà bene immediatamente, altrimenti i nostri templi e gruppi congregazionali andranno certamente incontro a molte sofferenze, lotte, politiche, calunnie, sentimenti negativi e odi che si infiltreranno in ogni progetto che faremo. Invece, facciamo uno sforzo per stabilire i nostri programmi con amore, bhakti e interesse per gli altri. Noi tutti sappiamo che Srila Prabhupada ha detto di aver costruito una casa dove il mondo intero possa vivere.

Realizziamo il sogno di Prabhupada creando una relazione familiare forte, che edificherà una magnifica casa.

Commenti

Post popolari in questo blog

Chi siamo

  VRINDA PARIVAR è una istituzione nata con l’obiettivo di risvegliare la coscienza di ogni individuo. Riunisce tutti coloro che si sentono ispirati da un’ideale ecologico-umanitario-spirituale e dal misticismo del nostro divino essere interiore. Per tale motivo invita a partecipare chiunque ne condivida la missione, gli obiettivi e le mete. I membri presenti si compromettono nell’appoggiare in forma morale, spirituale e materiale le seguenti mete e progetti qui presentati: -          Proclamare una coscienza di vita semplice e pensiero elevato -          Cercare di creare una coscienza vegetariana con il fine di stabilire una società libera da una violenza non necessaria contro i nostri fratelli minori, gli animali. -          Creare infrastrutture e preparare individui che aiutino a purificare e sanare la società, ispirandola ad acquisire valori superiori. -          Divulgare un tipo di educazione basata su valori spirituali universali. -          Aiutare ad eliminare pregiudizio e

Cos'è Vrinda?

VRINDA è un Istituto per l'armonia e l'amore universale, fondato nel 1984 da Srila Guru Maharaj Bhakti Aloka Paramadvaiti Swami. Dopo la partenza da questo mondo del suo Maestro Spirituale Srila A.C. Bhaktivedanta Swami Prabhupada, il nostro Guru Maharaj Srila B. A. Paramadvaiti Swami ha continuato con fede la missione del suo Maestro e ha istituito nel 1984 la famiglia VRINDA a Vrindavan – India. Oggi VRINDA ha centri in Colombia, Cile, Ecuador, Perù, Argentina, Bolivia, Uruguay, Brasile, Panama, Costa Rica e altri paesi del Centro, Nord America e Europa. VRINDA rappresenta l'ex Scuola Iniziatica dell'India chiamata "Brahma Gaudiya Sampradaya" che ha più di 5.000 anni di esistenza sulla terra. Attraverso i suoi fondatori e i suoi rappresentanti, molte persone in tutto il mondo si sono entusiasmate della missione e si sono rapidamente formati centri affiliati cercando di creare un'integrazione globale sotto i precetti dell'Armonia Universale del Bhakti

Cerchiamo di essere semplici

da un testo di Bhakti Dayita Madhava Maharaj una riflessione di Sua Divina Grazia Srila Bhakti Aloka Paramadvaiti Maharaj Cerchiamo di essere semplici, onesti, ammettiamo i nostri stessi errori, debolezze e imperfezioni. Non comportiamoci in un modo che non tenga conto della corretta etichetta Vaishnava, con particolare attenzione ai devoti anziani. Ricorda sempre che le nostre vite devono essere usate per raggiungere l'obiettivo spirituale finale. Sei venuto alla Coscienza di Krishna sperando di ottenere il Signore e la Sua misericordia. Non prestare attenzione alle prese in giro e alle lodi degli altri. Mantieni costantemente e con cautela la tua attenzione sul tuo obiettivo originario. Cerca di accettare ciò che è favorevole alla bhakti e rifiuta ciò che non lo è. Il nostro protettore e custode è Śrī Kṛṣṇa. Pertanto, ci si deve sottomettere completamente ai Suoi piedi. Una persona arrogante non ha la devozione e la misericordia del Signore. Comprendi il vero valore della tua vit