Passa ai contenuti principali

Post

Chi siamo

  VRINDA PARIVAR è una istituzione nata con l’obiettivo di risvegliare la coscienza di ogni individuo. Riunisce tutti coloro che si sentono ispirati da un’ideale ecologico-umanitario-spirituale e dal misticismo del nostro divino essere interiore. Per tale motivo invita a partecipare chiunque ne condivida la missione, gli obiettivi e le mete. I membri presenti si compromettono nell’appoggiare in forma morale, spirituale e materiale le seguenti mete e progetti qui presentati: -          Proclamare una coscienza di vita semplice e pensiero elevato -          Cercare di creare una coscienza vegetariana con il fine di stabilire una società libera da una violenza non necessaria contro i nostri fratelli minori, gli animali. -          Creare infrastrutture e preparare individui che aiutino a purificare e sanare la società, ispirandola ad acquisire valori superiori. -          Divulgare un tipo di educazione basata su valori spirituali universali. -          Aiutare ad eliminare pregiudizio e
Post recenti

Jaya Radha Madhava, jaya kunja bihari (attaccamento solo per Krsna)

  Nitya Lila Pravista om visnupada Sri Srimad Bhaktivedanta Narayana Maharaja Spiegazione della canzone 'Jaya Radha-Madhava jaya kunja bihari' e Sviluppare attaccamento solo per Krsna. 29 maggio 1999 Los Angeles, USA   BVNM: Chi ha scritto questa canzone?   Devoto: Srila Bhaktivinoda Thakura.   BVNM: Sai il significato della canzone?   Devoto: Solo quello esterno, non quello interno.   BVNM: Svamiji cantava questa canzone con tutto il suo cuore. Questa canzone é il cuore e gli occhi di Bhaktivinoda Thakura. Oh, Syamarani devi spiegare qualcosa; vieni qui davanti e prendi il microfono. Non dovete pensare che le devote sono inferiori, lei é una devota avanzata e ha seguito Svamiji fin dall'inizio.   (Syamarani dd spiega il significato di 'jaya radha-madhava kunja bihari')   BVNM: Alcuni pensano che Svamiji provava il rasa dell'amicizia per Krsna (dasya rasa); ma nessuno col dasya rasa può glorificare Krsna dicendo 'kunja bihari'; quelli che hanno il dasya